Aestheticmedicine.it
grafica struttura
grafica struttura
spaziatore
grafica struttura Home:Articoli:Aromaterapia:Domande:Indirizzi professor Bertuzzi:Università:BMI:Curiosità:Siti amici spaziatore
grafica struttura

 

Honcode

L'informazione presente nel sito serve a
migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente

Questo sito è finanziato dal Prof. Gianluigi Bertuzzi.

aestheticmedicine.it non contiene pubblicità di terzi

 

Aromaterapia e oli essenziali

Visita la nuova sezione del sito dedicata all'aromaterapia e agli oli essenziali.

 

A.R.P.A
SkinAge Calculator 1.0

Dalle ricerche sull’invecchiamento di Arpa Medica nasce oggi una novità:

A.R.P.A. Skin-age calculator 1.0
Il software che permette di calcolare semplicemente e con precisione letà cutanea, cioè letà biologica della pelle.

 

Notizie
E' disponibile il nuovo libro: "L'invecchiamento - Come conoscerlo e come farselo amico" del professor Gianluigi Bertuzzi e del professor Eduard Bercovich.

 

Ultimo articolo

La lipoaspirazione

 

Avviso
Sono aperte le iscrizioni al Master Universitario biennale in Medicina Estetica all'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", per informazioni tel 062020301.

 

Avviso
Apertura ambulatori ospedalieri di Medicina Estetica e Medicina Anti-Aging

 

Anti-aging.it
Visita il sito dedicato alla prevenzione dell'invecchiamento.

 

 

Postural Rearrangement And Lymphatic Drainage

Metodo globale per ottimizzare l’equilibrio psico-fisico

 

Premessa
Il P.R.A.L.D. è una metodica innovativa che nasce dall’intuizione di due professionisti, impegnati nel campo della medicina anti-aging e della riabilitazione funzionale, con la finalità di migliorare la qualità della vita.

Parlando di qualità di vita, però, è indispensabile tenere presente dei concetti fondamentali:

  • Livello di vita, che esprime l’entità delle risorse disponibili
  • Stile di vita, che esprime il modo in cui le risorse vengono utilizzate
  • Qualità di vita, che esprime la possibilità di utilizzare al meglio tali risorse

Risulta chiaro, quindi, come il concetto di qualità della vita sia, purtroppo, limitato a quei paesi che, come l’Italia, presentano un elevato grado di benessere, non devono lottare per la sopravvivenza, ma per aumentare l’aspettativa di vita.

Alla fine del secolo scorso era proprio l’Italia a detenere questo importante primato con un’età superiore agli 82 anni; recenti studi, però, ritengono che entro il 2010 saremo superati dal Giappone e, probabilmente, anche dalla Francia.

Giappone e Francia, infatti, accanto agli USA, negli ultimi dieci anni, stanno investendo grandi risorse per modificare i diversi stili di vita e per migliorare, quindi, la qualità di vita.

Si sente sempre più spesso parlare del fatto che, in Italia, ci avviciniamo sempre più ad essere un popolo di vecchi, esprimendo un concetto negativo e fortemente limitante per lo sviluppo del paese.

In realtà, una popolazione con un gran numero di anziani può essere dotata di grandi capacità se anche l’efficienza di un individuo non più giovane si esprime al massimo.

La medicina anti-aging è impegnata a studiare l’età biologica dell’individuo e, dunque, a rallentare i processi di invecchiamento migliorando l’efficienza psico-fisica.
L’A.R.P.A. Medica (Aging Research for Prevention and therapy Association) è stata la prima in Europa e nel mondo assieme ad un altro istituto in Giappone, ad aver messo a punto nel 2001 un esclusivo protocollo di valutazione dell’età biologica dell’uomo, per cui oggi possiamo conoscere la nostra vera età e, attraverso interventi non invasivi, renderla molto più “giovane” rispetto all’età anagrafica.

Il processo di invecchiamento inizia già dopo i 20 anni e si manifesta con una progressiva perdita delle funzioni psichiche e fisiche alla base della nostra vita.

Ecco alcuni tra i principali segni e sintomi di invecchiamento:

  • Riduzione delle capacità di memoria
  • Riduzione dell’attenzione
  • Riduzione della concentrazione
  • Disturbi del sonno
  • Diminuite capacità sessuali
  • Incanutimento
  • Calvizie
  • Comparsa di rughe e macchie cutanee
  • Aumento della secchezza e della sensibilità cutanea
  • Cheratosi senili
  • Lesioni cutanee precancerose
  • Riduzione dei movimenti articolari
  • Diminuzione della massa muscolare e aumento della massa grassa
  • Riduzione della funzione immunitaria
  • Aumentata vulnerabilità nei confronti delle malattie
  • Progressivo incurvamento della colonna vertebrale
  • Vizi di postura progressivamente sempre più marcati
  • Andatura progressivamente stentata
  • Aumento dei processi fibrotici
  • Riduzione delle capacità respiratorie
  • Riduzione della sintesi di ormoni e neurotrasmettitori
  • Aumento del rischio cardio-vascolare
  • Diminuzione di energia
  • Distress e, conseguentemente, ansia e depressione

Il protocollo anti-aging ARPA prevede la valutazione di otto distretti del nostro organismo, maggiormente sensibili al processo di invecchiamento:

 

  1. Cerebrale
  2. Immunitario
  3. Ormonale
  4. Cellulare (stress ossidativo)
  5. Cardio-vascolare
  6. Composizione corporea
  7. Muscolo-scheletrico
  8. Cutaneo

Ognuno degli otto distretti in esame viene esaminato attraverso indagini neuro-psicologiche (test), ematochimiche e strumentali, valutando circa 20 – 30 parametri per ognuno ed, infine, la relativa età biologica (ad es. età cerebrale, età immunitaria, età cutanea, ecc.). La media ponderata (non tutti gli otto distretti hanno la stessa importanza nei confronti dell’invecchiamento!) di tutti i distretti darà l’età biologica dell’individuo in oggetto.

Attraverso la correzione dei singoli parametri esaminati (in tutto oltre 160!), saremo in grado di ripristinare gli equilibri perduti riducendo l’età biologica senza interventi farmacologici e non invasivi, rallentando, in questo modo, il fisiologico processo di invecchiamento.

Come ben chiaro, tutti gli interventi sono impostati nei confronti dei danni causati dai fattori esterni, fattori che dipendono dal nostro stile di vita.

L’invecchiamento, infatti, è causato solo per un terzo da fattori genetici, sui quali ancora non siamo in grado di lavorare, e per ben due terzi da fattori esterni, ragion per cui ognuno di noi è responsabile per circa il 70% del proprio invecchiamento.

Il protocollo anti-aging non rappresenta un convenzionale check up per scoprire malattie, ma un’indagine eseguita su individui sani volta ad individuare lo stato di usura dell’organismo.

Gli interventi di prevenzione e/o di cura successivamente, si avvalgono di diverse metodiche non invasive. Una di queste è rappresentata dal P.R.A.L.D. che, come vedremo in seguito, agisce contemporaneamente su quattro degli otto distretti precedentemente descritti: cerebrale, immunitario, corporeo, muscolo-scheletrico.


Le fasi del P. R. A. L. D.

Il P.R.A.L.D. è costituito da tre fasi:
  1. VALUTAZIONE
  2. ESECUZIONE
  3. MANTENIMENTO
Prima fase: la valutazione
Rappresenta, senza dubbio, la fase più importante di tutta la metodica in quanto ci consente di capire in quale direzione dobbiamo orientare il nostro intervento.

E’ questa una fase che può vedere coinvolte diverse figure professionali, a seconda delle diverse indagini da eseguire.

Il P.R.A.L.D. è, infatti, una metodica che può essere eseguita isolatamente dal singolo operatore, debitamente formato, ma può anche fare parte di un protocollo più ampio e complesso come è, ad esempio, quello anti-aging o quello vascolare o quello di medicina estetica.

L’Anamnesi è il primo passo da seguire nell’ambito della valutazione per individuare eventuali problemi, patologie o cure, passate, pregresse o in atto. Fondamentale è, in questa fase, capire eventuali abitudini comportamentali e stili di vita potenzialmente responsabili del problema presente. E’, infine, importante individuare le aspettative della persona che si sottopone alla metodica per poter rassicurare o, viceversa, disilludere su eventuali particolari effetti terapeutici.

L’esame posturale, quindi, attraverso l’esame obiettivo, il rilievo podografico dell’impronta plantare e manovre da eseguire prima in posizione eretta e quindi in posizione supina.

La VALUTAZIONE, come accennato in precedenza, può anche essere affiancata da indagini vascolari (valutazione flebo-linfologica), da indagini neuro-psicologiche (test per la valutazione dello stress), da indagini di medicina estetica (valutazione della cosiddetta “cellulite”) o, addirittura, può far parte del protocollo anti-aging per la valutazione dell’età biologica.

 

Seconda fase: l'esecuzione
Prima di parlare delle diverse manovre manipolative è bene fare una breve storia del massaggio tenendo sempre presente una distinzione fondamentale tra il massaggio cosiddetto “estetico”, cioè senza valenza terapeutica, e massaggio “terapeutico”, dotato di effetti di tipo terapeutico, quale è quello di cui tratteremo.

 

Storia del massaggio
Il massaggio è senz’altro il rimedio più antico adottato dall’uomo per alleviare il dolore, eliminare la fatica e rinvigorire il corpo e lo spirito. Basti pensare al gesto istintivo ed universale che si compie nell’esercitare una pressione su una parte dolente. Il termine “massaggio” indica l’insieme di diverse tecniche di manualità praticate sulla cute di una persona. Il termine si dice derivi dall’arabo “massa” che significa palpare, secondo altri autori proviene dal greco “massein” che significa impastare, o dall’ebraico “machec” il cui significato è maneggiare.

Documenti attestanti le sue origini risalgono al 3.000 a.C. e descrivono una tecnica curativa che prevede l’uso delle mani. Intorno al 1.000 a.C. la medicina indiana consigliava a coloro che facevano sforzi fisici di strofinarsi il corpo con degli oli per ritardare l’insorgere della fatica. In Egitto, verso il 50 a.C., all’epoca di Cleopatra, il massaggio veniva praticato dai servi ai loro ricchi padroni, mentre erano immersi in vasche contenenti acqua profumata.

E’ stato il mondo ellenico ad affinare la tecnica del massaggio dando ad esso due diverse finalità legate ai ludi greci: preparare i muscoli degli atleti allo sforzo fisico e, al termine della competizione sportiva, defaticare i muscoli dallo stesso sforzo fisico.

Parallelamente anche la medicina utilizzava il massaggio per lenire il dolore fisico. Ippocrate, illustre medico, vissuto nel I secolo a.C., aveva inserito il massaggio nel suo programma complessivo di cure mediche scrivendo: “Un massaggio energico lega, un massaggio dolce allenta, uno sfregamento eccessivo manda in rovina alcune parti, uno sfregamento moderato le fa sviluppare”.

Si può quindi affermare che in questo periodo nascono due diverse tecniche di massaggio: una sportiva ed una terapeutica connessa alla medicina.

Anche i Romani, di riflesso ai Greci, coltivarono il massaggio presso le Terme dove sottoponevano gli ospiti a bagni e massaggi. Dopo la caduta dell’Impero Romano e durante il medioevo, tali conoscenze e le pratiche che ne derivarono, caddero nell’oblio. Successivamente vennero riprese durante il Rinascimento ad opera di Mercuriale (1530-1606), medico e ginnasiarca, che riscoprì la medicina Greca antica e con essa Ippocrate.

Mercuriale scrisse “De arte Gymnastica”, opera scientifico-pratica, indicando massaggio e ginnastica come elementi fondamentali di medicina preventiva per mantenere l’organismo in buona salute.

 

Il massaggio praticato oggi
Nel corso dei secoli il massaggio si è tramandato di generazione in generazione, evolvendosi ed adattandosi alle diverse esigenze e comunque mantenendo come costante l’uso delle mani come strumenti polivalenti.

Le tecniche usate sono molteplici e si differenziano tra loro per esecuzione e finalità. I diversi autori, che hanno studiato scientificamente la materia, sono concordi nel classificare il massaggio nei sottoindicati ceppi principali: classico, connettivale reflessogeno, trigger point miofasciale e zonale.

IL MASSAGGIO CLASSICO principalmente si identifica con il drenaggio linfatico, che associa le diverse tecniche manuali nate dall’empirismo e codificate attraverso lo studio della struttura fisiologica vasale dell’uomo.

IL MASSAGGIO CONNETTIVALE REFLESSOGENO, che utilizza il rapporto reflessogeno esistente fra cute, sistema nervoso ed organi interni.

IL MASSAGGIO TRIGGER POINT MIOFASCIALE, che favorisce il recupero della funzionalità muscolare, particolarmente indicato per contratture, ernie e distorsioni della fascia muscolare.

IL MASSAGGIO ZONALE, in cui si riconoscono quasi tutte le tecniche di origine orientale che si basano sulla ricerca dei meridiani energetici dell’agopuntura allo scopo di equilibrare l’energia globale del corpo, aggiungendone dove è in difetto e togliendone dove è in esubero; ne sono esempi il massaggio Shiatzu ed il massaggio Plantare e Palmare.

IL MASSAGGIO PSICOTERAPEUTICO, dove la massoterapia è intesa come ricerca del contatto corporeo e, quindi, come necessità di stabilire un contatto emozionale.

IL MASSAGGIO POSTCHIRURGICO, come trattamento di rimodellamento estetico postchirurgico per facilitare il riassorbimento dell’edema riducendo i tempi di recupero.

 

L'esecuzione del P.R.A.L.D.
Avendo fatto la precedente doverosa premessa sulle origini, le classificazioni e le diverse tecniche di massaggio terapeutico, analizzeremo, di seguito, i TRE diversi momenti della metodologia manuale del P.R.A.L.D..

A) MASSAGGIO REFLESSOGENO CONNETTIVALE
B) MASSAGGIO TRIGGER POINT MIOFASCIALE
C) DRENAGGIO LINFATICO MANUALE

La finalità di tale metodologia è quella di stimolare diverse strutture del nostro organismo secondo una consequenzialità logica e funzionale, metodo globale, quindi, e non settoriale.

Infatti, anche in questo caso, è doveroso non perdere di vista come nel nostro organismo nessun sistema opera in modo isolato e nessun apparato lavora indipendentemente dall’altro.

L’organismo è, quindi, un sistema aperto nel quale ogni singolo distretto comunica e collabora con gli altri per garantire quell’equilibrio dinamico, metabolico e psico-fisico, che ci permette di essere vivi, efficienti ed in buona salute.

A) I MOMENTO, stimolazione dell’unità motrice (motoneurone – fibra nervosa motrice – plotone di fibre muscolari striate) attraverso la stimolazione dei propriocettori generali (corpuscoli di Golgi a livello tendineo, fusi muscolari a livello del muscolo, corpuscoli di Pacini a livello del tessuto connettivo profondo e delle articolazioni) per ripristinare le attività fasiche, o motrici, e toniche, o posturali, di quei muscoli interessati dalla contrazione o dallo stiramento e identificati nella fase di VALUTAZIONE. Tale primo momento si attua mediante il MASSAGGIO REFLESSOGENO CONNETTIVALE.

B) II MOMENTO, stimolazione delle fibre muscolari striate interessate dalla contrazione ipertonica responsabile del disequilibrio posturale, precedentemente “preparate” attraverso la stimolazione dei propriocettori generali. Tale secondo momento si attua attraverso il MASSAGGIO TRIGGER POINT MIOFASCIALE.

C) III MOMENTO, stimolazione del Sistema Immunitario e del sistema di smaltimento linfatico; entrambi posti, attraverso l’attuazione dei due precedenti Momenti, nelle condizioni ottimali per una risposta rapida, energica e duratura. Questo terzo momento del P.R.A.L.D. si attua tramite il DRENAGGIO LINFATICO MANUALE.

 

Terza fase: il mantenimento
E’ questa la terza ed ultima fase del P.R.A.L.D.

Dotata della massima importanza in quanto ci consente, attraverso una “gestione” del paziente a distanza, di prolungare nel tempo i benefici di un singolo intervento.

Sappiamo come, tanto per i problemi posturali, quanto per quelli psico-somatici e per quelli veno-linfatici, gli interventi di tipo riabilitativo, terapeutico e psico-terapeutico, richiedano spesso una frequenza ravvicinata ed assidua.

Ad esempio, nell’insufficienza veno-linfatica, i benefici di un intervento di drenaggio cominciano a perdersi progressivamente già dopo 30 secondi dalla discesa del paziente dal lettino di terapia.

La fase di mantenimento comporta una serie di indicazioni di tipo medico, riabilitativo e psicologico, che il paziente deve seguire tra un intervento e l’altro.

Le suddette indicazioni saranno fornite sulla base della fase iniziale del P.R.A.L.D., quella di valutazione, nella quale l’operatore e l’eventuale equipe associata, avranno avuto modo di riconoscere stili di vita errati o patologie concomitanti, tali da richiedere un intervento, indipendentemente dalla seconda fase esecutiva della metodica.

Sarà, quindi, fondamentale far riferimento:

  • al tipo di alimentazione (qualitativa, quantitativa, circadiana)
  • al tipo di idropinoterapia (qualitativa e quantitativa)
  • al tipo di attività fisica (total body e per singoli distretti corporei)
  • al tipo di abbigliamento
  • al tipo di igiene cosmetologica (per il viso e per il corpo)
  • al tipo di condotta sociale (riduzione dei livelli di stress, ecc.)
  • all’eventuale integrazione alimentare (vitamine, aminoacidi, ecc.)
  • all’eventuale supporto fitoterapico (tisane, estratti secchi, estratti fluidi, tinture madri, ecc.)
  • all’eventuale elasto-compressione (bendaggi fissi o mobili, calze elastocompressive).

Infine, la frequenza e la durata delle applicazioni di P.R.A.L.D. può essere variabile.

Entrambe dipenderanno dalla situazione del singolo paziente e dal periodo di inizio del P.R.A.L.D..

Una seduta di P.R.A.L.D., nelle sue tre fasi, potrà durare da 50’ fino a 120’; certamente la prima seduta richiederà tempi maggiori a causa della fase di valutazione, come anche l’ultima seduta, di un ciclo iniziale, a causa delle diverse indicazioni alla base della fase di mantenimento.

La frequenza delle sedute di P.R.A.L.D. può certamente variare a seconda delle condizioni iniziali del paziente, ma, in generale, è questo un metodo che non richiede frequenze troppo ravvicinate: un’applicazione ogni quattro sei giorni, all’inizio, e poi ogni dodici, venti giorni, fino ad arrivare ad una applicazione ogni trenta, cinquanta giorni, nel mantenimento.

 

Quando si può eseguire il P.R.A.L.D.
  • Linfedema stadio I,II,III,IV. degli arti
  • Flebedema
  • Edema post-traumatico e post-chirurgico
  • Dermoipodermite (non infetta)
  • Dopo interventi di liposuzione
  • Ulcera flebolinfopatica
  • Panniculopatia edemato-fibrosclerotica (Cellulite)
  • Linfedema stadio V
  • Edema da rivascolarizzazione
  • Algodistrofia
  • Post-interventi chirurgici in O.R.L. (odontoiatria, maxillo-facciali)
  • Emiplegia (da ictus o altra patologia)
  • In corso di scleroterapia
  • Sindromi reumatiche
  • Stress (di stress)
  • Turbe dell’umore
  • Turbe del sonno
  • Turbe dell’attenzione
  • Turbe della concentrazione
  • Turbe ansioso-depressive
  • Stipsi
  • Algie muscolari
  • Dolori mestruali
  • In caso di dolori muscolari ed algie varie
  • Quando c’è bisogno di limitare l’insorgenza di edemi e stasi venosa
  • Per ridurre i tempi di recupero funzionale di arti traumatizzati
  • Prima di una competizione sportiva per caricare l’atleta di energia e dopo per aiutarlo a recuperare più velocemente la condizione di partenza
  • Nel trattamento degli inestetismi.

 

Quando non si può eseguire il P.R.A.L.D.
  • Insufficienza cardiaca o renale significativa
  • Trombosi venosa profonda
  • Piodermite o altra infezione cutanea (es. Linfangite)
  • Processi infettivi sistemici (batterici-virali)
  • Tromboflebite venosa superficiale in fase acuta
  • Neoplasie in atto
  • Asma bronchiale in fase acuta-subacuta
  • In presenza di stati febbrili
  • In caso di traumi dei tessuti molli: strappi, stiramenti, elongazioni, non prima di 10/15 giornicon autorizzazione medica
  • In caso di fratture non prima di 50/60 giorni con autorizzazione medica
  • Nelle donne durante il ciclo mestruale
  • Tubercolosi
  • Infezioni acute o croniche

Data ultima revisione: Gennaio 2007

 

 

 
 
 
Provider Tiscali.it
intestazione intestazione